Se ti sei imbattuto in un file di tipo .tar.gz, .tgz, o .gz, su Windows 10 puoi usare la riga di comando tar per estrarre il suo contenuto.

Un file che usa il formato .tar.gz è stato creato usando l’applicazione Unix tar, ed è stato compresso usando una compressione di tipo gzip . Questi file vengono spesso chiamati “tarball” e li puoi trovare sia con una doppia estensione (.tar.gz), che con le abbreviazioni .tgz o .gz.

In genere, i file .tar vengono usati dagli utenti Ubuntu e macOS per archiviare ed eseguire il backup dei dati, ma a volte anche agli utenti Windows può capitare di avere a che fare con questo tipo di file, e di dover quindi estrarre i loro contenuti.

Anche se puoi usare diverse applicazioni di terze parti, come per esempio 7-Zip e PeaZip, molte volte queste soluzioni non funzionano bene con i file creati con altre piattaforme, e inoltre sono lente a decomprimere un grande numero di file. Il supporto nativo per i file di tipo .tar incluso in Windows 10 ti permetterà di usare il Prompt dei comandi per estrarre il contenuto di questo tipo di file. Puoi anche scegliere di usare il sottosistema Windows per Linux (o WSL), che aggiunge il supporto nativo per Ubuntu, Fedora e SUSE. e che quindi ti permette di accedere a molti strumenti Linux, tar incluso, per estrarre velocemente tutti i contenuti di una tarball.

In questa guida, scoprirai come usare i comandi nativi tar sul Prompt dei comandi di Windows 10 e Ubuntu per estrarre il contenuto di un file di tipo .tar.gz.

Come estrarre il contenuto delle tarball .tar.gz, .tgz, or .gz usando tar su Windows 10

Segui questi passaggi per estrarre i file .tar.gz, .tgz, .gz e anche quelli di tipo .zip usando tar su Windows 10, e senza dover installare il sottosistema di Windows per Linux:

1. Apri Start.

2. Cerca il Prompt dei comandi, clicca con il tasto destro sul primo risultato e seleziona l’opzione “Esegui come amministratore” .

3. Per estrarre i file usando tar, digita il seguente comando e premi Invio:

tar -xvzf C:\PERCORSO\DEL\FILE\NOME-FILE.tar.gz -C C:\PERCORSO\CARTELLA\DI\ESTRAZIONE

Windows 10Suggerimento: Visto che stai usando Windows 10, non dovrai indicare il percorso come se stessi usando Linux, e potrai semplicemente usare il formato di Windows.

Una volta che avrai una completato questi passaggi, tutti i file e le cartelle che hai indicato verranno estratti nel giro di pochi secondi. nella destinazione che hai specificato.

In questa guida, diamo per scontato che tu stia decomprimendo un file che è stato creato su un altro sistema, e quindi stiamo saltando degli argomenti della riga di comando che sono necessari a mantenere i permessi, ma che su Windows 10 non sono necessari ad accedere ai file.

Come estrarre i file .tar.gz, .tgz, o .gz con tar usando Linux su Windows 10

Per usare tar su Linux, devi installare una distro (come per esempio Ubuntu), attivando il sottosistema di Windows per Linux (o WSL) usando le funzionalità di Windows, dopodiché dovrai scaricare Ubuntu dallo store di Microsoft.

Una volta che avrai installato Ubuntu su Windows 10, segui questi passaggi per estrarre il contenuto di un file .tar.gz:

Importante: A partire dalla versione 1803, il comando tar è integrato in Windows 10, quindi per utilizzare questo strumento non è più necessario ricorrere al sottosistema Windows per Linux.

1. Apri Start.

2. Cerca Ubuntu e clicca sul primo risultato per aprire l’applicazione.

3. Per estrarre il contenuto del file .tar.gz, inserisci il seguente comando e premi Invio:

sudo tar -xvzf /mnt/c/PERCORSO/DEL/FILE-TAR/Desktop/NOME-FILE.tar.gz -C /mnt/c/PERCRSO/DELLA/CARTELLA/DI-DESTINAZIONE

Suggerimento: Se il file è di tipo .tar puoi usare lo stesso comando escludendo però dalla riga di comando l’argomento z.

Nel comando sopraindicato, si scrive “sudo” per eseguire l’applicazione come amministratore, “tar” per indicare l’applicazione, poi forniamo alcuni altri argomenti, come per esempio:

· x — indica che vuoi estrarre il contenuto del file.

· v — sta per “verboso”. Questo è un argomento opzionale che ti farà visualizzare tutto il processo di estrazione. Se non lo includi, vedrai solo il cursore che lampeggia finché l’operazione non è stata completata.

· z — indica a Tar di decomprimere il contenuto di un file .tar.gz file con Gzip.

· f — indica il nome del file che vuoi estrarre.

Dopodiché va specificato il percorso del file che intendi decomprimere. Avrai notato che il percorso comincia con /mnt/c/, invece che con c:\, questo perché in realtà stiamo lavorando in ambiente Linux.

-C — (trattino e C maiuscola) viene utilizzato per dire a Tar di cambiare cartella. Quando esegui un comando, si comincia con la cartella di origine, poi va specificata quella di destinazione, che è il percorso che abbiamo indicato alla fine del comando. Puoi estrarre i file in qualsiasi cartella, ma ricorda sempre di scrivere /mnt/ all’inizio, seguito poi dal percorso nel formato di Windows.

Quando si scrive un comando in Linux, è molto importante fare attenzione alle minuscole e alle maiuscole: Desktop e desktop, infatti, non sono la stessa cosa.

Con questa guida abbiamo dato un’occhiata a come svolgere un compito specifico usando tar ma, se non sei un utente Linux, c’è molto altro da imparare su questo strumento. Se vuoi saperne di più, digita tar --help nella console di Ubuntu.

Leggi di più:
Come aprire i file RAR in Windows?