Attualmente, Google consente di scaricare un archivio contenente la cronologia completa delle ricerche effettuate.

Il colosso tecnologico sta lavorando a questa funzione dall’anno scorso, ma l’attenzione maggiore si è ottenuta solo in seguito al resoconto pubblicato la settimana scorsa da un blog non ufficiale dedicato al Sistema Operativo di Google.

L’archivio scaricabile contiene i termini che gli utenti hanno “googlato”, incluse informazioni che potrebbero essere particolarmente sensibili, quali sintomi medici o nomi di partner di appuntamenti al buio.

“Puoi scaricare tutta la tua cronologia di ricerca per visualizzare l’elenco dei termini che hai cercato”, afferma il sito di Google. “In tal modo potrai avere accesso ai tuoi dati in ogni luogo e in ogni momento”.

Ma l’elenco non si limita alla funzione del motore di ricerca Google. Include anche documenti di ricerche effettuate all’interno degli account email dell’utente, o degli indirizzi inseriti in Google Maps. La gamma di informazioni personali disponibili ha sollevato preoccupazioni concernenti la potenziale vulnerabilità del database.

Google ha affermato che la compagnia è consapevole dei rischi associati con l’archiviazione di una quantità così ingente di informazioni personali su computer domestici, e prima che procedano con il download, avverte gli utenti con un messaggio che inizia così: “Leggi attentamente, non è la solita solfa”, al contrario di quanto avviene solitamente con i messaggi di avvertimento.

“Se hai deciso di portare i tuoi dati altrove, consulta le norme di esportazione dei dati stabilite dalla tua destinazione” continua il messaggio. “In caso contrario, se volessi abbandonare il servizio, potresti essere costretto a lasciare lì i dati importati”.

Ecco come scaricare la tua cronologia di ricerca di Google:

Passo 1: Accedi al tuo account Google.

Passo 2: Visualizza la tua Attività Web e App.

Passo 3: Nell’angolo in alto a destra della pagina, clicca sull’icona https://ilmigliorantivirus.com//wp-content/uploads/2015/05/cog.png e seleziona “Scarica”.

Passo 4: Clicca su “Crea Archivio”.

Passo 5: Quando il tuo archivio personale sarà pronto per il download, Google ti invierà un’email. Potrai a quel punto visualizzare l’archivio nella “Cartella Takeout” del tuo Google Drive, oppure scegliere di scaricare l’elenco sotto forma di un archivio zip contenente file JSON.

Ecco come eliminare la tua cronologia di ricerca di Google:

Passo 1: Accedi al tuo account Google.

Passo 2: Visualizza la tua Attività Web e App.

Passo 3: Nell’angolo in alto a destra della pagina, clicca sull’icona https://ilmigliorantivirus.com//wp-content/uploads/2015/05/cog.png e seleziona “Rimuovi elementi”.

Passo 4: Scegli il periodo di tempo per il quale vuoi eliminare elementi. Per cancellare l’intera cronologia, ti basterà selezionare “tutto”.

Passo 5: Clicca su “Rimuovi”.

Sono inoltre presenti opzioni per eliminare singoli elementi di ricerca, ricerche avvenute in tempi più recenti, e ricerche effettuate da dispositivi mobili o tablet.

Ma il fatto che un utente possa eliminare la sua cronologia di ricerca, non implica che questa scompaia del tutto.

Le ricerche “non sono più associate al tuo account Google”, certo, ma come scrive la compagnia, Google potrebbe “archiviare separatamente l’attività degli utenti per prevenire spam e abusi e migliorare i servizi offerti”.