Come proteggere il tuo account Facebook dagli hacker

Gli account Facebook sono al giorno d’oggi i principali bersagli di hacker e truffatori, ed è facile vedere perché.

Con circa un miliardo di utenti in tutto il mondo, l’intera comunità di Facebook offre agli hacker un’enorme opportunità di trovare il modo, truffando, di ottenere illeciti guadagni, e/o quella contorta soddisfazione che alcuni ricevono dal creare scompiglio in larga scala.

È facile cadere vittima di criminali su Facebook, ma ci sono alcune cose che puoi fare per proteggerti. Per la maggior parte di esse si tratta solo di buon senso:

Per prima cosa metti al sicuro il tuo account dal punto di vista tecnico seguendo le semplici istruzioni in questo post

Poi, non rispondere mai a post sulla tua bacheca o news feed che ti invitano a cliccare su un link per “verificare le tue credenziali” oppure “fornire le tue informazioni di login”. Facebook non chiederebbe mai tali informazioni tramite un post pubblico.

Ed una volta che hai effettuato il login al tuo account non ti chiederanno mai di verificare la tua password. Perché dovrebbero? Si già loggato, quindi è ovvio che la conosci, e se non riesci ad effettuare l’accesso perché l’hai dimenticata, c’è un metodo semplice da seguire, e allo stesso tempo sicuro, per resettarla.

La seconda cosa da ricordare è che applicazioni e giochi non sono sempre innocui. Facebook è casa di migliaia di utili e legittime app e giochi che le persone utilizzano giorno dopo giorno, ma questo vastissimo elenco rende più facile agli hacker e a criminali generici di fregare gli utenti inducendoli ad utilizzare applicazioni che non sono altro che truffe mascherate.

Se qualcuno ti invita ad utilizzare un’app di cui non hai mai sentito parlare, mandagli un messaggio prima di farlo e chiedigli se usa davvero quell’app e se ha davvero inviato l’invito. Il fatto che qualcosa ti sia stata apparentemente inviata da un amico, non vuol dire che lo è stata davvero.

E poi ancora, sospetta sempre delle email che ti vengono inviate da Facebook. Mai, e poi mai, cliccare su un link Facebook proveniente da un’email. Piuttosto, accedi a Facebook nella maniera solita (digitando manualmente l’URL nella barra del tuo browser, oppure facendo click sul segnalibro), quindi controlla le tue notifiche per vedere se l’evento menzionato nella email è avvenuto davvero. È sempre bene ricordare che l’email è uno dei metodi di comunicazione più rischiosi online!

Fai attenzione a non cliccare su link esterni e non familiari, che appaiono sulla tua bacheca o news feed, anche se sembrano essere stati inviati da un amico fidato. Una volta che un hacker penetra in un account, può fingere di essere quell’utente, e potrebbero passare giorni o settimane prima che il truffatore venga scoperto, eventualmente.

Sta’ attento a ciò che inviano i tuoi amici. Se vedi un post da parte di un “amico” che credi essere inappropriato per tale persona, è probabile che non l’abbia condiviso davvero. Inviagli un messaggio privato e chiedigli se proveniva davvero da lui, e consiglia sempre di cambiare la password immediatamente, se non è stato già fatto.

Inoltre, tieni sotto controllo la tua Timeline personale. La stragrande maggioranza di post che appaiono lì, proviene da te. Se vedi qualcosa sulla tua Timeline che non ti convince, invia un messaggio alla persona che, apparentemente, l’ha postato e poi cancellalo.

Ed infine, fai attenzione nell’accettare richieste di amicizia da persone che non conosci. Mentre ci sono legittime ragioni per accettare richieste d’amicizia da sconosciuti occasionali (interessi comuni, persone incrociate durante il ritorno a casa, ecc…), tali richieste dovrebbero essere soggette a un po’ più d’attenzione prima di essere accettate. Ecco alcune cose da verificare:

  1. Quanto è vecchio l’account? Se è stato creato durante l’ultima settimana o meno, consiglio di ignorare la richiesta di amicizia, a meno che non provenga da qualcuno che conosci personalmente.
  2. Come sono le foto nella gallery? Sembrano essere foto che potrebbero essere scattate solitamente durante la vita quotidiana, o sono state “prelevate” da qualche altra fonte su internet come un sito di immagini stock? Diffida specialmente se le foto tendono a ritrarre persone del sesso opposto.
  3. Che tipo di post appaiono sulla Timeline? Si tratta di post ordinari che sei abituato a vedere sulle bacheche dei tuoi amici, o sono di natura “spammosa”? Se sembrano essere tali, c’è da scommettere che l’intero profilo Facebook sia una truffa.

Leggi di più:
Come Hackerare Password Reti WiFi WPA2-PSK con Kali Linux
Come Spiare un iPhone senza jailbreak
Come Hackerare un Chat di WhatsApp?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *