Recensione

Razer Deathadder Elite Recensione

Razer ha eguagliato la premiata forma del suo mouse e vi ha implementato il miglior sensore che abbiano mai avuto: è questo il Deathadder Elite, un’arma fenomenale per ogni gamer.

Il mouse Deathadder Elite è l’ultima versione di Razer delle scivolose bestie che sono state nei nostri negozi e nei nostri cuori negli ultimi dieci anni. Il Deathadder è considerate uno dei migliori gaming mouse sin dalla sua prima uscita, soprattutto grazie alla brillante forma ergonomica e alle performance affidabili. L’ultima iterazione presenta degli upgrade nel campo della performance, ma la forma e il peso rimangono gli stessi.

Il Deathadder Elite rimpiazza il DA Chroma e presenta il PMW3389, che è un sensore personalizzato costruito da Razer e da PixArt e che arriva fino a 16,000 DPI. Questa nuova versione presenta anche qualche pulsante extra per cambiare i DPI al volo. Pesa solamente 96 grammi, il che non è male – si piazza più o meno a metà, quando paragonato agli altri mouse. La forma è fantastica, e qualunque sia la grandezza della vostra mano e il vostro stile di presa, andrà bene. Nonostante sia stato messo sul mercato nel 2016, questa versione viene venduta ancora per 55 euros, un prezzo quasi economico per un mouse di lusso per gli E-sport.

which is just about affordable for a luxury E-sports gaming mouse.

Pro

  • Comodo – Base economica
  • Ottime Performance – sensore di alta qualità
  • software intuitivo–software user-friendly
  • Pulsanti per il pollice – Ottimi e funzionali

Contro

  • Software-dipendente – Serve il software per personalizzare il DPI/polling rate
  • Solo mano destra – Nessuna opzione per i mancini, a differenza della versione del 2013
https://ilmigliorantivirus.com/wp-content/uploads/2019/05/Razer-Deathadder.jpg
 
Cosa c’è nella scatola

Il packaging non è diverso dalla classica scatola nera con su stampato il prodotto, accentuato da un grazioso verde acceso.

Dentro ci troviamo:

  • Il mouse Razer Deathadder Elite
  • Lettera di benvenuto
  • Manuale
Dimensioni e peso

https://ilmigliorantivirus.com/wp-content/uploads/2019/05/Razer-Deathadder-1.jpgIl Deathadder Elite ha le stesse identiche dimensioni della sua iterazione precedente: 12.7 x 7 x 4.4 cm. È stato progettato per adattarsi alle mani di misure medie. Alcuni l’hanno trovato un po’ troppo lungo, ma è più corto dell’EC1-B di Zowie di solito un millimetro – pur essendo alto e largo uguale. Le dimensioni sono ottime e si adattano senza problemi alla mia mano, anche se, effettivamente, si sente la differenza di 1mm rispetto all’EC1-B. Posso rilassare il palmo della mano sul mouse quando navigo casualmente su internet senza dover toccare il tappetino. Tuttavia, quando si deve giocare, la gobba arrotondata nel mezzo mi supporta agilmente la mano, donando un comfort extra alla mia presa. Il mouse è perfetto per la mia mano (18×11 cm) ma anche se avete delle mani più lunghe non temete: è abbastanza lungo da accomodare anche le mani più lunghe, e, al tempo stesso, è abbastanza largo da supportare anche le dita più tozze.

https://ilmigliorantivirus.com/wp-content/uploads/2019/05/Razer-Deathadder-5.jpg

Il Deathadder è un mouse per tutti e ha ridotto il peso di circa 40g rispetto alla versione precedente (di 148g), una differenza notevole. Non sembra per niente pesante e, grazie alla forma così facilmente afferrabile, potrebbe, senza ombra di dubbio, essere usato anche da un gamer che ha le mani piccole. Pesa tanto quanto il Rival 600, ma l’Elite sembra più leggero della sua versione precedente, in quanto sul fondo presenta dei piedi più larghi, che ora sono due strisce simili al Mamba e che permettono al mouse di muoversi liberamente. L’Elite pesa abbastanza per farvi notare quando spingete il mouse ma è anche abbastanza leggero per scivolare con grazia e aiutarvi nelle fasi di gioco più concitate.

https://ilmigliorantivirus.com/wp-content/uploads/2019/05/Razer-Deathadder-6.jpg

Forma e texture

I mouse della linea Deathadder sono stati progettati per adattarsi alla vostra mano, e ci riescono, grazie alla loro forma, una delle migliori di sempre. Con la sua forma semplice e le rifiniture di alta qualità, l’Elite è un mouse dall’aspetto più che raffinato. È pieno di curve gentili e spioventi per darvi una comodità senza precedenti. Il solco per il pollice è perfetto per il mio pollice e presenta delle impugnature di gomma che incollano la vostra mano al dispositivo. Le impugnature presentano una texture tipo esagono e sembrano essere parte del mouse, più che essere state incollate (anche se è così). La parte centrale del mouse, sollevata, si trova poco al di sotto delle vostre nocche e sembra donare un senso di controllo assoluto quando afferrate il mouse. Il DA Elite è inclinato in avanti, permettendo alle vostre dita di accoccolarsi nei solchi dei bottoni.

https://ilmigliorantivirus.com/wp-content/uploads/2019/05/Razer-Deathadder-7.jpg

La finitura opaca che ricopre questa versione non è più un miscuglio di colori e materiali. Con questa finitura, le impugnature in gomma e una forma fantastica, questo mouse non vi scivolerà via dalla mano, nemmeno quando dovrete dei flick shots a 180 gradi. La finitura liscia è ottima, specie per chi ha le mani sudate. La scorza principale è costituita da un unico pezzo di plastica robusta e sottile che sembra resistentissima. Ho scosso e strizzato il mouse per vedere se c’era qualcosa che andava lento, ma non ho notato il minimo problema.

Pulsanti

I pulsanti principali dell’Elites presentano degli switch progettati insieme a Omron che dureranno almeno 50 milioni di click. L’attivazione è eccellente e il click è un piacere da sentire. Vale la pena notare che i pulsanti principali sono parte della scocca principale del mouse, ma non ciò non ha rappresentato un problema. Posizionando le dita un po’ più avanti, verso il centro del mouse, gli switch sono facili da cliccare. Nell’impugnatura full-palm, per sbaglio ho cliccato un paio di volte il pulsante primario della mano destra, ma è successo mentre navigavo su internet, e non mentre giocavo.

C’è una rotellina cliccabile posta in mezzo agli switch che potete programmare. La rotellina fornisce un feedback tattile quanto navigate, in modo quasi silenzioso – cosa che ho apprezzato: la nuova serie EC di Zowie è fin troppo rumorosa quando si scorre. La rotellina è ricoperta da una graziosa copertura in gomma che vi aiuta a far presa.

Dietro la rotellina ci sono i due pulsanti DPI che sono presenti su quasi tutti i mouse Razer e che vi permettono di cambiare le impostazioni al volo, cosa che tornerà utile solo per alcuni giochi tipo Overwatch – ma se in passato avete usato un pulsante sniper, allora questi pulsanti potrebbero emularlo, anche se non sono altrettanto comodi. Personalmente, io non cambio i DPI, che sono rimasti gli stessi per gli ultimi dieci anni. Tuttavia, questi pulsanti funzionano bene, fanno un bel rumore e non danno problemi.

I pulsanti laterali sull’Deathadder Elite sono ottimi e probabilmente sono i migliori per facilità d’uso, specie rispetto agli altri mouse. Si trovano poco al di sopra del vostro pollice e, a seconda del vostro tipo di impugnatura, forse li andrete a toccare. È la posizione dei pulsanti che li rende così facili da cliccare, a me basta muovere di poco il pollice per attivarli. Sembrano solidi e non si muovono come quelli sui mouse più economici. Io li ho usati per selezionare al volo le granate e non mi hanno mai deluso mentre giocavo a CSGO.

Cavo

Il cavo è lungo 2,1 ed è intrecciato come quasi tutti quelli degli altri mouse Razer. L’intrecciatura è abbastanza stretta e permette al cavo di lacerarsi molto di meno rispetto agli altri cavi intrecciati che ho usato in passo. L’intrecciatura offre una protezione extra, ma io ho usato una corda elastica per impedire che il cavo si sfilacci o si danneggi. Tuttavia, si impolverano facilmente e ovviamente sono più difficili da pulire rispetto ai cavi non intrecciati ma, in tutta onestà, i pro superano i contro. Io uso solo mouse col cavo elastico (regola mia) e, purtroppo, il cavo elastico più economico non si è rivelato molto utile e il cavo non ha fatto altro che scivolare di qua e di là. Tutti gli altri cavi elastici che ho testato hanno tenuto perfettamente il cavo, senza scivolamenti.

Sensore e performance

È difficile comprare un mouse affidabile che costi più di 55 euros e che presenti un sensore terribile e, così come vi aspettereste, questo nuovo Deathadder garantisce delle performance impeccabili. Presenta un sensore PMW3389 leggermente ritoccato, sensore che Razer ha usato molto spesso nei suoi ultimi mouse. Il sensore può arrivare fino a 16,000 DPI – se mai ne avrete bisogno – ma, cosa più importante, ha una velocità IPS di 450, il che significa che potete mirare i vostri obiettivi a velocità disumane.

Durante le sessioni di gioco, il sensore è stato perfetto, senza tremolii né altri problemi di sorta. Io gioco perlopiù agli sparatutto in prima persona e questo mouse si è rivelato eccellente in CSG0, soprattutto grazie alla sua incredibile forma, ma questo sensore non mi ha deluso, e mi sono ritrovato a mirare con una facilità estrema, dopo essermi abituato al peso del mouse. Zommando sugli obiettivi non ho notato nessuno strano movimento da parte del mio crosshair, nemmeno sul mio tappetino abbastanza vecchiotto. Muovendo il mouse velocemente, il sensore non ha mai sbandato. La precisione del sensore, quando accompagnata da una forma così comoda, vi mette tra le mani una vera e propria arma – è un mouse che, senza ombra di dubbio, vale la pena provare.

Software

Il DeathAdder è programmato con l’opzione DPI più bassa (800), e quindi, se volete, potete evitare di usare il software, ma se volete veramente personalizzare il vostro dispositivo, allora avrete bisogno di installare Synapse, che negli ultimi anni è diventato molto più facile da usare e molto più affidabile. Se avete già installato Razer Synapse per un altro dispositivo, il software riconoscerà all’istante qualsiasi nuovo dispositivo Razer. Attraverso il software, potete controllare gli aggiornamenti e personalizzare il mouse come più preferite. Potete anche impostare il software così che aggiorni in modo automatico tutti i driver al posto vostro.

Leggi di più:
Miglior Monitor da Gaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *