Come si fa a sapere cosa rende un laptop un “vero” notebook gaming? Noi non consideriamo tale un laptop che non presenta una scheda grafica dedicata (ovvero una GPU), in opposizione alla scheda grafica integrata nel processore principale del PC. Per noi – e per i venditori di laptop – è questa la linea sottile divide un giocatore da uno che fa finta.

Eppure, a seconda del tipo di videogiochi a cui giocate, a volte un laptop non deve far finta. In un certo senso, quasi tutti i notebook più recenti funzionano come gaming notebook. I laptop che al momento usano la settima e l’ottava generazione (“Kaby Lake” o “Coffee Lake”) del Core i5 e del Core i7, o le meno comuni A10 o A12 di AMD, possono far girare i giochi in modo più accettabile se abbassate a sufficienza la risoluzione dello schermo e i dettagli grafici. Questi chip hanno un’accelerazione grafica modesta, che è tutto quello che vi serve per i videogiochi tipo Plants vs. Zombies.

Laptop gaming a buon mercato: cosa cercare

Il nostro primo consiglio? Se il gaming è il vostro interesse principale e il vostro budget si ferma sui $1,000, allora comprate la migliore GPU che potete permettervi e lasciate che tutto parta da lì. Forse ciò andrà a discapito di qualche specifica – una memoria minore, per dire, o un processore Core i5 invece di unCore i7.

Detto ciò, i notebook, a parte la RAM, non possono essere aggiornati. Dovrete usare sempre quello schermo, quelle schede grafiche e quel processore, quindi scegliete queste parti con cura. Se potete sforare il budget di poco e comprare un componente di fascia più alta, di certo ne guadagnerete in termini di durata generale.

I migliori gaming notebook economici

Il processore: Importante, ma non spendete troppo

Alcuni dei moderni videogiochi, soprattutto i MMORPG e quelli di strategia in tempo reale, tendo a martellare il processore. Nella maggior parte dei casi, i nuovi notebook gaming non presentano più i processori dual-core, e per una buona ragione: alcuni giochi tripla richiedono esplicitamente una CPU quad-core come minimo.

https://ilmigliorantivirus.com/wp-content/uploads/2019/04/processore.jpg

Detto ciò, una CPU Core i7 è meno cruciale per il gaming che per l’editing di video e la produzione di file multimediali. Con l’attuale generazione di CPU Intel, avrete energia più che a sufficienza, persino da un “Coffee Lake”/8th Generation Core i5. Un Core i7 della stessa generazione non è altro che un considerevole processore six-core/12-thread che, secondo noi, è eccessivo per i gamer casuali che devono badare a quanto spendono. Quindi, il nostro consiglio è: scegliete un Core i5 o un i7 con quattro core effettivi se potete; un chip six-core non serve.

Per quanto riguarda l’AMD, le soluzioni grafiche dei processori nella serie A8-, A10- e A12- sono abbastanza buoni (per quanto possono esserlo le schede grafiche integrate). Il risultato è che vedrete ben pochi laptop AMD con schede grafiche dedicate venduti a meno di $1,000. Questo avviene, anzitutto, perché la presenza di una CPU AMD è un modo per tenere il prezzo basso. Aggiungere una GPU non farebbe che farlo lievitare.

Memoria di sistema: 8 è il numero magico

Dato un budget di $1,000, 8GB è la RAM minima a cui dovreste puntare. (Sono alcuni anni che non vediamo meno di 8GB di RAM in una macchina con scheda grafica dedicata). Molto probabilmente non otterrete niente di più con un computer con scheda grafica integrata venduto a meno di $1,000, ma questo va perfettamente bene per l’uso moderato e il gaming.

Se la RAM del laptop sia espandibile, e fino a che punto, sono altre cose a cui dovete fare caso. Detto ciò, anche se potete espandere la memoria, il laptop potrebbe presentare dei moduli di memoria che occupano entrambi gli slot, e quindi dovrete rimpiazzarli entrambi se volete aggiornare il computer. È meglio prendere subito quello che vi serve.

Memoria: le SSD sono la scelta migliore, ma è bene variegare

Nei laptop che costano meno di $1.000 troverete sia gli hard-drive he le SSD. Il modello con lo schermo da 15,6 pollici potrebbe offrirvi una SSD di capacità limitata oltre a un hard drive secondario, sebbene ciò avvenga più di frequente con i laptop da 17 pollici. (La maggior parte dei gaming notebook a meno di mille dollari presentano uno schermo da 15.6 pollici). Scegliete questo approccio dual se riuscite a trovarlo e potete permetterlo. La più piccola SSD ospiterà il sistema operativo e una manciata dei vostri giochi preferiti, mentre sul più capiente hard drive si troveranno tutti gli altri giochi e i programmi che non devono essere caricati velocemente. (Potete dividere la vostra libreria Steam sui vari drive).

SSD

Nei gaming notebook, avere una SSD più un hard drive è la scelta migliore. In termini di performance di gioco, il sottosistema di archiviazione influenza i tempi di caricamento dei giochi. Ciò può rivelarsi importante nei MMORPG, dove si devono caricare ampi scenari in tempo reale. Quindi è auspicabile avere un sistema di archiviazione veloce e basato sulla SSD. Secondo noi, oggi come oggi dovreste scegliere solo un boot drive SSD. Il differenza nelle performance tra un hard drive e un boot drive SSD è troppo grande per essere ignorata.

I drive ottici sono meno comuni nei modelli da 15 pollici, ma oggigiorno si stanno estinguendo su tutti i modelli gaming. Anche se avete un sacco di giochi su disco, sappiate che potete sempre usare un drive esterno, al costo di circa $20.

Display, parte uno: grandezza e risoluzione

Quando analizzare il display di un dato gaming notebook, dovreste tenere in considerazione quattro specifiche: la grandezza dello schermo, la risoluzione nativa, la frequenza di aggiornamento e il tipo di schermo.

https://ilmigliorantivirus.com/wp-content/uploads/2019/04/monitor.png

Come abbiamo notato in precedenza, 15,6 pollici è la grandezza generale dei gaming notebook più economici. Questa grandezza è un buon compromesso, in molti modi che vanno al di là del costo. A volte, giocare su uno schermo il più grande possibile – e, a parte qualche esotica eccezione, si parla di 17 pollici – è la scelta giusta da fare. Ma se avete mai provato a portare in giro uno di queste macchine, o avete comprato uno zaino grande abbastanza per il laptop e il suo enorme caricabatterie, allora forse avrete i vostri dubbi. La maggior parte di questi notebook pesano quasi quattro chile, e i più leggeri sono ben lungi dall’essere i più economici.

Un laptop da 15 pollici non è proprio l’ideale da portare in giro, ma per la maggior parte sono molto più gestibili dei loro cugini più grandi. Inoltre, i notebook da 15 pollici oggigiorno sono molto più adatti ad essere trasportati – e ad essere scollegati dalla presa della corrente – rispetto alle loro controparti degli anni passati. Ne abbiamo visti pochi raggiungere le sei ore di autonomia, sebbene ciò sia avvenuto usando i computer in modo normale o guardando dei video: giocandoci, quel numero diminuirà considerevolmente.

Per quanto riguarda la risoluzione nativa dello schermo, i 1920×1080 pixel (comunemente chiamato 1080p) sono la norma nei laptop economici. Maggiore è il numero di pixel che dovete gestire, maggiore sarà la quantità di potere grafico di cui avrete bisogno, e un saggio produttore di laptop non doterà un laptop con uno schermo che presenta una risoluzione nativa a cui la GPU non può fare giustizia. Quindi la scarsità di schermi oltre l’HD nei laptop a buon mercato non è un caso. Non solo questi schermi costano di più e prosciugano più batteria, ma le schede grafiche presenti all’interno dei computer che costano meno di $1.000 non andrebbero bene per il gameplay. (Gli schermi con una risoluzione maggiore di 1080p sembrano piccoli e strizzati se sono grandi 15 pollici).

Display, parte due: frequenza di aggiornamento e schermo

Così come con la risoluzione nativa, dovreste anche prendere nota della frequenza di aggiornamento dello schermo anche se, oggigiorno, sarà la stessa – 60Hz – su tutti i modelli economici.

Se la frequenza di aggiornamento (che si misura in hertz, Hz) viene elencata tra le specifiche di un dato laptop, di solito significa che è più alta del normale. La maggior parte degli schermi dei laptop, inclusi quelli di quasi tutti i modelli economici, si fermano ai 60Hz, il che significa che ritirano l’immagine su schermo 60 volte al secondo, e che quindi possono mostrare fino a 60 fotogrammi al secondo. (Se la vostra scheda grafica riesca a produrre 90fps con un gioco, ne vedrete solo 60). Alcuni schermi di notebook, però, possono mostrare 75Hz, 120Hz, o anche di più. Queste frequenze di aggiornamento elevate possono essere utili per alcuni videogiochi estremamente frenetici, soprattutto per quei titoli online competitivi, come ad esempio CS:GO, DOTA 2, e Overwatch, e i più recenti Fortnite/Apex Legends.

Eppure, a meno che non abbiate intenzione di diventare un giocatore professionista, uno schermo a 60Hz sarà più che sufficiente. Quasi tutti i giocatori sono impantanati con gli schermi a 60Hz, dopotutto. Gli schermi con alte frequenze di aggiornamento non sono comuni nei computer a buon mercato, ma vale la pena conoscerli – ci aspettiamo che presto vengano implementati anche nei notebook venduti a meno di 1.000 dollari.

Un’altra specifica da tenere d’occhio è il tipo di schermo. Se possibile, dovreste scegliere uno schermo IPS (in-plan switching), dal momento che generalmente offrono la migliore visione decentrata e i migliori colori. Alcuni gamer si accontentano di schermi più economici, i TN (twisted nematic), che vi costringono ad avere un angolo di visuale più stretto – anche se probabilmente sarete seduti direttamente di fronte allo schermo, e quindi ciò non rappresenta un problema. Gli schermi TN possono offrire dei tempi di risposta leggermente superiori.

Una nota finale sull’input tattile. Nonostante l’innegabile comodità dei touch screen per Windows 10, essi non rappresentano la norma per i computer gaming, e non conosciamo nessuno modello per il gaming basato sul GeForce o il Radeon RX che costi meno di 1,000 e presenti tale funzionalità.

Processore grafico: ora sì che dovete spendere

La scheda grafica dedicata è la spina dorsale di tutti i gaming computer. Nei computer economici, la linea GeForce GTX di Nvidia domina il mercato, e i chip più recenti sono parte della serie GeForce GTX 1000, o della famiglia “Pascal”, che sono stati immessi sul mercato nel 2016.Le nuove GPU GeForce RTX di Nvidia sono state immesse sul mercato solo nelle ultime settimane (l’ondata iniziale di machine con la GeForce RTX è uscita durante le ultime settimane di gennaio), ma non ci aspettiamo di vederle presto nel laptop venduti a meno di 1.000 dollari.

https://ilmigliorantivirus.com/wp-content/uploads/2019/04/gpu.jpg

Sin dal lancio di Pascal nel 2016, i gaming notebooks hanno per la maggior parte colmato il divario con il loro cugini da scrivania. Con l’architettura del “Maxwell” di Nvidia, le performance delle schede grafiche dei laptop rappresentano il 70% o l’80% delle performance che otterreste dalle schede per computer fisso su cui sono basate.  Ma le schede grafiche per laptop Pascal garantiscono delle performance quasi identiche alle loro controparti desktop dello stesso nome, posto che vengano implementate con una CPU integrativa e abbia un design che faccia giusto ai bisogni termici della GPU (nella maggior parte dei casi è così.)

La scheda grafica di base Pascal è la GeForce GTX 1050, che tipicamente si trova all’interno di modelli venduti dai $700 agli $800. La GTX 1050 è in grado di far girare la maggior parte dei giochi con una risoluzione di 1080p, con impostazioni da medie ad alte. Tenete a mente che la GTX 1050 potrebbe trovarsi al limite della giocabilità se impostate tutto al massimo – dipende dal gioco. Forse allora sarebbe il caso di fare un ulteriore passo e comprare un modello con la GeForce GTX 1050 Ti. Il Prezzo minimo dei laptop con questa scheda grafica è di $850, con alcuni modelli che arrivano fino a $1,200. Queste due schede grafiche rappresentano il cuore del mercato dei laptop economici del 2019.

Un laptop costruito attorno alla GeForce GTX 1060, però, è l’ideale per giocare a 1080p senza compromessi. Abbiamo visto i prezzi dei laptop basati sulla GTX 1060 oscillare tra i $1,000 e i $2,000, sebbene la fascia di prezzo più alta dovrebbe presto scendere con il proliferare delle macchine basata sulla RTX 2060. La GTX 1060 è la linea di riferimento per l’utilizzo della realtà virtuale (VR).

Per modelli basati sulla GTX 1060 più vicini ai $1,000, però, dovete prendere nota della memoria video che sostiene la GPU. Vedrete dei laptop basati sulla GTX 1060 con 3GB o 6GB: quest’ultimo è preferibile, ma il primo costa di meno. Se giocate a giochi con requisiti di sistema che richiedono una VRAM minima, o giocate a giochi con mod affamate di VRAM, questa differenza allora potrebbe essere cruciale.

Per confondere le acque, nel 2017 Nvidia ha introdotto una tecnologia chiamata Max-Q Design, che strizza un chip GeForce nei notebook più sottili e leggeri, rinunciando al 10 o al 15 percento delle performance del chip. Siccome la Max-Q tende ad essere implementata in machine premium e sottili, raramente è presente nei laptop economici, ma è bene sapere cosa sia, nel caso in cui dovreste incontrarlo mentre fate shopping. (Pochi modelli poco al di sopra del millino incorporano tale tecnologia.) La Max-Q può interessarvi se la portabilità—non una caratteristica solitamente associata ai gaming notebook—vi sta particolarmente a cuore.

Per quanto riguarda il concorrente di AMD, le sue schede grafiche dedicate sono meno comuni nei gaming notebook a buon mercato (o in quelli che costano tanto, se è per questo). Di quando in quando vedrete dei modelli basati sui chip Radeon RX o Radeon Vega chips (essendo l’RX l’unica soluzione a buon mercato), ma sono così rari che è necessario considerare i loro meriti più come laptop che come classe: non ne troverete abbastanza per trarre delle conclusioni generali. Ciò è chiaro dall’unico modello basato sull’AMD Radeon RX presente nella nostra lista.

Non dimenticatevi della tastiera: illuminazione e layout

Una delle caratteristiche tipiche dei gaming notebook è una tastiera colorata e retroilluminata. Variano abbastanza da modello a modello, e più la retroilluminazione è elaborata, più costa il laptop, è più sono di qualità i vari componenti. Quasi tutti i gaming notebook presentano una retroilluminazione monocolore (la maggior parte delle volte, rossa o bianca) così da tenere bassi i costi. Il passo successivo è l’illuminazione programmabile a seconda delle varie zone, con tre o quattro blocchi della tastiera che possono venire personalizzati in modo indipendente con diversi colori – cosa che di solito non troverete nei laptop economici. Le tastiere che vi permettono di programmare l’illuminazione dei singoli tasti in modo individuale sono ad appannaggio esclusivo dei laptop più costosi.

Controllate anche la disposizione dei tasti. I modelli che presentano un blocco isolato di arrow key o di tasti WASD ben definito prendono punti extra. Inoltre, siccome la maggior parte dei gaming notebook a buon mercato sono modelli da 15,6 pollici, controllate se sulla destra c’è un tastierino dedicato, se ne volete uno – o se non lo volete. Alcune macchine con schermi di queste dimensioni ce l’hanno, altre no. (Un laptop da 17 pollici ne avrà sempre uno, però.)

Queste sono le nostre prime scelte…

Acer Predator Helios 300

I migliori gaming notebook economiciI migliori gaming notebook a buon mercato

Pro:
  • Schermo di ottima qualità
  • Ottime performance nel gaming
  • Prezzo ragionevole
Contro:
  • Ventole di raffreddamento rumorose
  • Altoparlanti poco potenti

Negli ultimi due mesi l’Acer Predator Helios 300 è stato uno dei gaming notebook di fascia media più popolari, più che altro a causa del suo Prezzo eccellente, del processore Core H Intel, della scheda grafica Nvidia GTX 1060 6 GB e di uno schermo IPS, il tutto per poco più di $1000.

Non è perfetto, ma è facile sorvolare sui suoi difetti.

C’è una versione aggiornata di questo notebook venduta dalla primavera del 2018. Il suo nome in codice è Helios 300 PG315-51 e, esternamente, è identica alla versione lanciata nel 2017, ma con un aggiornamento importante: l’edizione del 2018 è costruita sull’hardaw Coffee Lake di Intel, il che vuol dire che presenta un processore i7 a sei core invece dei quattro core disponibili in precedenza. Ciò ha un impatto significativo sulle performance, le temperature, la durata della batteria e così via e, a parte ciò, il modello del 2018 presenta anche uno schermo e un modulo wireless aggiornati.

Il design dell’Helios 300 presenta molti dei tratti caratteristici di un computer per il gaming. Ci sono delle luci rosse, un aggressive logo Predator e una forma generalmente spigolosa.

Tuttavia, rispetto agli altri computer, non riesce a spiccare. La maggior parte dei laptop viene rifinita con la plastica nera o con una passata di alluminio anodizzato che conferisce al tutto un’aria intelligente. Schiaffate un adesivo sul logo del coperchio e potrebbe benissimo passare per un normalissimo computer da ufficio.

I migliori gaming notebook economiciMa la qualità dei materiali è piuttosto decente. Siamo ben lontani dal design tutto in alluminio del MacBook Pro o del Razer Blade 15, ma il computer è robusto e il display non si flette facilmente.

A parte il design, l’Helios 300 offre una selezione di porte, anche se ancora non c’è nessuna Thunderbolt 3 vera e propria.

La tastiera dell’Helios 300 è decente. Offre un adeguato layout UK, con tutti i tasti chiaramente etichettati a un rimbalzo minimo. Anche l’azione dei tasti è buona, ed è facile determinare se un tasto sia stato premuto o meno. Tutti i tasti lungo la tastiera vengono azionati allo stesso modo. La tastiera non si flette al centro – un problema frequente nei laptop economici. I tasti sono retroilluminati da una luce rossa – niente RGB – e quindi scrivere al buio non sarà un problema. È un peccato che la luminosità non possa essere regolata, però.

I migliori gaming notebook economici

Il pad è fatto di plastica, ma è spazioso e ha dei driver Precision, che gli permettono di tracciare i movimenti con cura ed evitare problemi.

I migliori gaming notebook economici

La caratteristica che spicca più di tutte però è lo schermo. Il display dell’Helios 300 offre un equilibrio perfetto. La risoluzione a 1080p è alta per uno schermo di queste dimensioni. Una risoluzione maggiore potrebbe essere utile per alcune applicazioni – per l’editing di video, ad esempio – ma per l’utilizzo quotidiano i 1080p vanno più che bene. Allo stesso modo, è bello avere una super risoluzione per il gaming, ma la maggior parte delle volte, su uno schermo di queste dimensioni, i 1080p andranno più che bene. Avrete anche una frequenza di aggiornamento a 144Hz, e i vostri giochi fileranno lisci – e sarete in grado di giocare a livello competitivo. Vi mancherà il G-Sync, incluso nei laptop come l’HP Omen 15, ma è una pecca trascurabile. Lo schermo LCD è della varietà IPS, e in quanto tale offre degli angoli di visuale e dei colori di gran lunga superiori a quelli del più economico TN. Sono caratteristiche importanti in un laptop, in quanto con ogni probabilità vi ritroverete ad osservarlo da una sfilza di angoli strani.

Non solo lo schermo dell’Helios 300 è IPS, ma è anche uno di qualità. Può raggiungere una luminosità di 324 nit, fornisce un buon livello di contrasto di 1171:1, e la sua copertura dei colori sRGB è un decentissimo 98%. Spendete un altro po’ di solti e vi accaparrerete un display ancora migliore – ma questo è più che sufficiente.

Le caratteristiche di questo laptop suggeriscono una macchina ben equilibrata che dovrebbe essere in grado di gestire qualsiasi cosa le diate in pasto.

Accendete l’Helios 300 e lo sentirete subito agile e scattante, grazie alla combinazione del processore Intel Core i7-8750H processor, 16GB di RAM e una SSD da 256GB. Mettetelo sotto pressione, fatelo lavorare, e resterà sempre calmo.

Durante i nostri test il nuovo processore Intel six-core ha dimostrato esattamente quello che può fare, con un punteggio Geekbench di 4 che eccede di gran lunga i laptop con quad- e dual-core, e distacca anche altri laptop con lo stesso processore. Questo dovrebbe suggerirci che la soluzione utilizzata da Acer per il raffreddamento funziona meglio di altre, permettendo alla CPU di funzionare ad alti livelli per dei periodi di tempo più lunghi.

I migliori gaming notebook economiciI test della velocità della memoria non sono altrettanto impressionanti. Anche se la SSD è abbastanza veloce da mantenere i tempi di caricamento più che accettabili, è ben lontana dalla SSD più veloce sul mercato.

Quando si tratta di giocare, il GTX 1060 al cuore di questo laptop fa un ottimo lavoro per farvi avvicinare ai famosi 144fps. Dateci dentro con le impostazioni dei dettagli, come abbiamo fatto noi durante i nostri test, e i giochi più recenti lo metteranno leggermente in difficoltà. Cionondimeno, raggiungerà facilmente il massimo della frequenza di aggiornamento con titoli come Fortnite, Counter-Strike e Quake Champions – se abbassate leggermente le impostazioni.

Inevitabilmente, tutti quegli sforzi grafici e della CPU generano un sacco di calore, calore che l’Helios 300 gestisce ottimamente. Tuttavia, lo fa in modo rumoroso. I livelli di rumore possono arrivare ad essere di gran lunga maggiori di quelli prodotti da laptop simili – di certo non dovete giocare con l’Helios 300 mentre vi trovate nella silenziosa carrozza di un treno.

Per fortuna, durante il normale uso da scrivania i livelli di rumore non sono stati troppo elevati – o troppo fastidiosi – e quindi ciò non dovrebbe essere un problema nell’uso quotidiano.

Essendo un notebook gaming, non dovrebbe essere un sorpresa che l’autonomia della batteria dell’Helios 300 non è esattamente il suo punto di forza. Nel benchmark di Powermark è durato solamente 3 ore e 45 minuti. È lo standard dei gaming notebook; molti altri laptop dureranno tre volte tanto.

L’Helios 300 offre un ottimo equilibrio tra prezzo e performance. Se potete spendere 1300$ su un laptop, allora questa è un’ottima opzione.

Acer Nitro 5

Pro:
  • Ventole di raffreddamento controllate dall’utente
  • Buona autonomia della batteria
  • Performance gaming decenti
Contro:
  • Schermo mediocre
  • Memoria a canale singolo

L’Acer Nitro 5 è un notebook gaming da 1000$ con un’ottima scheda grafica, delle performance di qualità e una buona quantità di porte. Nonostante un difetto non trascurabile – uno schermo deludente – questa macchina equipaggiata con l’Nvidia GeForce GTX 1050 Ti è un affare per i casual gamer.

Display

Acer ha installato uno schermo IPS da 1080p, il che è ottimo per questo prezzo, ma non ci sono extra di nessun tipo – non vi aspettate di trovare una frequenza di aggiornamento elevata l’ Nvidia G-Sync.

I migliori gaming notebook economiciIl peggior problema relative ai colori è la copertura dello spettro sRGB, appena del 69%. È un numero basso, specie per uno schermo IPS, e degli esami più attenti hanno rilevato che lo schermo di Acer può riprodurre interamente solo le sfumature di blu. Lo schermo HP Omen 15, allo stesso tempo, copre fino al 90% della gamma colore sRGB e ha un contrasto leggermente migliore.

Il contrasto fa sì che questo schermo possa gestire i moderni videogiochi, sebbene di certo non sia l’opzione migliore se ci tenete a colori caldi e accurati – e di certò non è adatto a lavori che richiedono dei colori accurati. Se ciò è importante per voi, allora l’HP è leggermente meglio.

Performance

L’Acer Nitro 5 ha fatto un ottimo lavoro nel tenersi al passo con le mie rigorose abitudini di navigazione. Ho potuto caricare una dozzina di schede in Google Chrome e di documenti in Microsoft Word senza il minimo rallentamento. In una di quelle pagine web stavo riproducendo dei video di Youtube a 1080p, mentre un’altra riproduceva lo streaming su Twitch di Battlefield V (Alpha) alla stessa risoluzione.

I migliori gaming notebook economiciCome il suo predecessore, la versione 2018 dell’Acer Nitro 5 presenta un Nvidia GeForce GTX 1050 Ti GPU con 4GB di VRAM. Per questo prezzo, è un’ottima cosa, e se vi utilizzare delle impostazioni grafiche non troppo elevate potete giocare quasi tutti i videogiochi più esigenti dal punto di vista grafico.

Il Nitro 5 si è stabilito su una media di 51fps quando abbiamo giocato a Rise of the Tomb Raider, impostazioni basse e una risoluzione di 1080p, rassicurandoci sul fatto che è in grado di oltrepassare tranquillamente la soglia dei 30fps. Il 1050 Ti, inoltre, non ha avuto problemi nel gestire DiRT 3, un gioco di corse molto meno esigente. Ha raggiunto i 90 fps, più che abbastanza per godersi la corsa.

Ma la scheda grafica del Nitro 5 non tiene quando si gioca ad alta risoluzione a giochi esigenti. I frame rate sono scesi a un ingiocabile 21.33 fps quando abbiamo messo su Metro: Last Night con una risoluzione di 1080p. Con lo stesso livello di dettaglio, Hitman gira a 42fps, al di sotto della media di 55fps, ma comunque giocabile. Sia il Dell G3 15 che il MSI G62M 7REX hanno ottenuto performance migliori dell’Acer, raggiungendo rispettivamente i 45 e i 46 fps.

In generale, le performance per quanto riguarda il gaming del Nitro 5 sono state miste. Ma a questo prezzo non troverete molti laptop migliori di questo.

Conclusioni

Difficilmente può essere il laptop dei vostri sogni. L’Acer Nitro 5 non ha abbastanza potenza di fuoco per gestire i videogiochi più esigenti sul mercato, e siccome si tratta di un’opzione economica, non è costruito tanto solidamente quanto vorreste.

Tuttavia, dobbiamo essere giusti: nella maggior parte dei casi si ottiene quello per cui si paga. Con un prezzo di 1000 dollari, onestamente non potete chiedere troppo, specialmente quando si tratta dei componenti di un pc. Un Nvidia GeForce GTX 1080 può costarvi diverse centinaia di dollari. Il Nitro 5 almeno ci prova, con il suo sistema di raffreddamento con due ventilatori che potete controllare direttamente voi, una tastiera comoda e affidabile, uno schermo ad alta risoluzione e una batteria che dura più a lungo di quanto potreste aspettarvi.

Se siete dei giocatori hardcore, con esigenze hardcore, allora cercate qualcos’altro. Ma se dovete rispettare un certo budget – o se vi state appena affacciando nel mondo del gaming – e siete disposti a fare alcuni compromessi, il Nitro 5 è definitivamente un’opzione da considerare.

Leggi di più:
Miglior Monitor da Gaming
Miglior Monitor PC per Fotografia
Migliori Mouse da Gaming