Microsoft ha confermato che supporterà Windows 10 per almeno 10 anni. Quest’affermazione risponde ad alcune domande, ma ne genera al contempo di nuove.

La conferma arriva da una modifica apportata all’articolo Date importanti nel ciclo di vita di Windows. Nell’articolo viene spiegato con esattezza quando Microsoft cesserà di offrire supporto per ognuno dei suoi sistemi operativi. Le date che riguardano Windows 10 sono 13 Ottobre 2020 per quanto concerne la cessazione del supporto mainstream e 14 Ottobre 2025 per la cessazione del supporto extended.

Sebbene il supporto per XP sia già stato esteso varie volte (soprattutto per via della riluttanza di molti utenti ad aggiornare a Vista), lo schema che prevede cinque anni dopo la release per la cessazione del supporto mainstream, e altri cinque anni per la cessazione del supporto extended, sembra essere ormai diventato parte dei termini di Microsoft per quanto riguarda Windows. Tuttavia, come si può notare, le date di Windows 10 risultano indietro di qualche mese, considerando che il sistema sarà rilasciato la settimana prossima.

Migliorie alla Sicurezza di Windows 10 per Almeno una Decade

Il supporto mainstream si riferisce al periodo durante il quale Microsoft offre aiuto gratuito agli utenti che si trovano ad affrontare problemi relativi all’utilizzo di Windows. Durante questo lasso di tempo Microsoft sarà inoltre disponibile ad accogliere suggerimenti per migliorare il sistema o aggiungere funzioni, e non è da escludere che decida davvero di apportare le modifiche consigliate.

Durante il periodo di supporto extended, invece, Microsoft si limita ad offrire aiuto soltanto a pagamento. Non aggiunge nuove funzioni al software, né effettua migliorie, ma continua comunque a rilasciare patch di sicurezza.

È però presente una modifica significativa nelle clausole. Normalmente, il supporto viene infatti applicato unicamente agli utenti che hanno installato il service pack più recente. Ad esempio, gli utenti di Windows 7 devono aver installato il service pack 1 per poter ricevere il supporto extended offerto.

Niente Service Pack Per Windows 10

Windows 10 è però differente dagli altri, e non presenterà alcun service pack. Microsoft sta pensando di distribuire vari aggiornamenti non appena saranno pronti, invece di raggrupparli insieme in un unico, grande, aggiornamento. La ragione principale di questa scelta consiste nel fatto che Windows Updates effettuerà i download automaticamente per la maggior parte degli utenti, senza offrire alcuna possibilità di scelta relativa agli aggiornamenti che si desiderano installare. Questo sistema è valido per le edizioni Home di Windows 10, mentre le edizioni Pro e superiori permetteranno una maggiore flessibilità.

L’articolo relativo alle date importanti nel ciclo vitale di Windows afferma inoltre che il supporto per Windows 10 sarà applicato unicamente se l’utente avrà eseguito tutti gli aggiornamenti più recenti. Microsoft, però, ci tiene a sottolineare che non è da escludere che alcuni dispositivi e computer non riescano a gestire tutti i singoli aggiornamenti.

Quel che non è ancora del tutto chiaro è se Windows sarà semplicemente aggiornato a oltranza, o se sarà eventualmente sostituito da un altro sistema operativo. Sembra logico pensare che Microsoft voglia solamente tenersi tutte le porte aperte, senza fare promesse che non è certa di poter mantenere. Sembra alquanto certo, però, che in ogni caso continuerà a rilasciare aggiornamenti di sicurezza quantomeno fino a quando Windows 10 resterà la versione più recente e gli utenti continueranno ad utilizzarla.

Per Saperne Di Più:
Come Eseguire un’Installazione Pulita di Windows 10 usando la Licenza di Windows 7 o 8.
Come cambiare il product key di Windows 10
Come impostare Firefox/Chrome come browser predefinito in Windows 10