Notizie

I prodotti antivirus per Linux a confronto

Anche se Linux è spesso visto come immune al malware, è ancora importante avere una protezione, in parte perché il malware Linux esiste, anche se è raro, e anche per evitare la trasmissione di virus a sistemi operativi più vulnerabili come Windows e Android.

L’organizzazione di test indipendente AV-Comparatives ha preso in esame le principali offerte anti-malware di Linux per valutare la loro facilità di installazione, le caratteristiche e altro.

Linux ha solo una quota del 1,5 per cento circa del mercato dei desktop, quindi ci sono relativamente pochi programmi antivirus volti a utenti domestici. Anche il software Linux è di solito installato tramite repository mantenuti dalla comunità che rendono più difficile per distribuire i malware.

La relazione non classifica i programmi testati, ma esprime un giudizio individuale su ciascuno.

Segnalati con lode sono BitDefender Antivirus Scanner per Unices, che offre un’interfaccia facile da usare, buona grafica e ottimi servizi di aiuto, ESET che ha un display di stato chiaro e buoni avvisi di malware, e eScan è lodato per la facilità d’uso anche se fornisce solo scansione su richiesta e non una protezione in tempo reale.

Kaspersky è troppo è facile da gestire e configurare come McAfee, due settori che utilizzano un approccio console web come fa Server di TrendMicro Protect per Linux.

Altri, tra cui Comodo Antivirus per Linux, e il Dr. Web Anti-Virus per Linux sono oggetti di critiche per il bisogno di disporre di un terminale per la configurazione, il che li rende inadatti per i novizi di Linux. AVG Free Edition per Linux è criticato per essere in grado di eseguire la protezione in tempo reale, senza rendere il sistema inoperativo.

Così come l’installazione di software antivirus, AV-Comparatives raccomanda agli utenti di Linux di implementare alcune procedure di sicurezza di base, incluso il mantenimento del software installato fino a oggi, solo l’installazione da fonti attendibili, la disabilitazione dei servizi che non si usano e non il login come root.

Il rapporto completo con verdetti su tutti i 18 programmi testati è disponibile per il download dal sito AV-Comparatives.

Per Saperne Di Più:

Come partizionare il tuo hard disk per installare Linux Mint

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *