Il M65 sembra ottimo, ma pesa 136 grammi ed è estremamente pratico per gli sparatutto in prima persona…

Ci siamo seduti a provare il Corsair M65 PRO RGB Gaming Mouse (nome piuttosto lungo, lo so) e lo abbiamo testato per vedere se è vero quello che dice Corsair, che lo definisce il miglior mouse per gli sparatutto sul mercato. L’M65 presenta un sensore ottico da 12,000 DPI che fornisce una precisione assoluta o, per metterla come dicono loro, un supporto di calibrazione avanzata di superficie. Questo mouse è stato costruito utilizzando dei materiali di ottima qualità, inclusa una struttura di alluminio che viene usata per donare al mouse una durabilità eccellente e delle rifiniture esteticamente molto piacevoli. Gli utenti possono utilizzare il sistema di regolazione del peso per regolare il centro di gravità e adattarlo al loro stile di gioco, e utilizzare l’iCUE per configurare i pulsati, il macroprogramming e personalizzare la retroilluminazione RGB presente in tre punti diversi.

Pro

  • Ottimo aspetto
  • Materiali di qualità eccellente
  • Si possono salvare i vari profili di gioco fin da subito
  • Pulsante Sniper
  • 3 accattivanti zone di luce RGB

Contro

  • Pesante per le competizioni di sparatutto
  • La presa del palmo è strana
Corsair M65 Pro
Che c’è nella scatola

Corsair M65 ProIl M65 PRO FPS gaming mouse di Corsair viene venduto dentro a una elegante scatola nera contornata di giallo. La scatola ha una parte frontale abbastanza robusta che si solleva per mostrare il mouse all’interno della sua confezione di plastica e ulteriori informazioni sulle 3 illuminazioni RGB. Una volta aperta, troverete una protezione ultraresistente, cosa abbastanza piacevole, soprattutto dal momento che gli altri prodotti sul mercato presentano un inscatolamento molto più resistente. All’interno troverete l’M65 oltre a un cavo da 1,8 metri che è stato avvolto e tenuto legato con del Velcro. Mi ha sorpreso non poco scoprire quanto il cavo restasse senza pieghe, anche dopo essere stato inscatolato per Dio solo sa quanto tempo. Infine, troverete le informazioni sulla garanzia e il manuale dell’utente, abbastanza scarno, ma che riesce a coprire tutto il necessario.

  • Corsair M65 PRO FPS Gaming Mouse
  • Manuale dell’utente
  • Garanzia

Design del Mouse

Dimensioni e peso

Corsair M65 ProInnanzitutto vediamo di analizzare il problema più incombente: l’M65, quando equipaggiato di tutto punto, pesa circa 135g. Ora, questo mouse è stato progettato avendo in mente gli sparatutto in prima persona, e quindi non sono sicuro di cosa stesse passando per la mente dei designer quando hanno deciso di creare una bestia del genere. Come saprete, gli sparatutto in prima persona preferiscono un mouse di gran lunga più leggero, e non uno con dei pesi aggiunti di 20 grammi in tutti. Nelle fasi più concitate del gioco sarà necessario ruotare di 180 gradi e dei rapidissimi flick shot e quindi è ovvio che sia meglio stringere in mano qualcosa di più leggero. Tuttavia, i creatori dell’M65 hanno scelto la direzione opposta e hanno deciso di implementare quello che loro descrivono come il loro “sistema avanzato di regolazione del peso che aiuta a regolare il centro di gravità in base al vostro stile di gioco.” Suono tutto molto avanzato, ma io faccio fatica a trovare un beneficio vero e proprio e anzi penso che allontanerà un sacco di consumatori.

Corsair M65 Pro

Penserete che un mouse che pesa così tanto probabilmente sia dotato di una scocca piuttosto pesante, ma vi sbagliereste. L’M65 è stato progettato per chi usa il claw grip ed è lungo poco meno di 12cm, che noi di Gaming Verdict riteniamo essere un po’ poco. Per chi sfrutta il palm grip, come me, si fa molta fatica a stringerlo comodamente – anzi, più l’ho usato, più l’ho trovato scomodo.

Forma e Texture

Comunque, ci sono pur sempre degli aspetti positivi di cui ci occuperemo subito. Esteticamente il mouse è molto gradevole. Il nucleo è fatto soprattutto di “Aircraft-grade Aluminium” e di certo sembra che sopravviverà alla prova del tempo. In cima al nucleo dell’M65 c’è un unico pezzo di plastica di alta qualità, materiale di cui sono fatti anche i pulsanti primari e il resto della scossa. È stato disegnato con una platica liscia e gommata che da un’ottima sensazione al tatto. Tuttavia, il materiale sembra attirare come un magnete tutto l’olio della mano, cosa non facile da pulire. Poi ci sono le due impugnature laterali che, a differenza delle finiture lucide della scocca, sono state progettate con una finitura ruvida per migliorare la presa e ridurre gli scivolamenti dovuti alla perspirazione. In generale, il look di questo mouse mi è piaciuto, ma, se visto in un ambiente più pratico, è abbastanza scomodo.

Cavi e bottoni

L’M65 presenta 8 pulsanti “strategicamente posizionati” per aiutarvi ad avere un vantaggio rispetto alla competizione. I due pulsanti primari del mouse vengono accompagnati da degli switch Omron e al tatto sono perfetti. Suonerà banale, ma un buon click non si batte, e il Corsair è un successo da questo punto di vista. Uno dei maggiori difetti di questo mouse è il pulsane Sniper che vi permette di abbassare i DPI al minimo, cosa di fondamentale importanza per i giochi come Overwatch, dove c’è bisogno di una sensibilità del tutto diversa quando si usa il fucile da cecchino. Tuttavia, se non avete bisogno di un pulsante per abbassare i DPI, allora questa funzionalità diventa quasi una seccatura. È stato posizionato esattamente dove andrete a poggiare il pollice, e basta la minima pressione per attivarlo: se volete assegnarlo a qualcos’altro, fate in modo che sia qualcosa che premete regolarmente. Consiglio – farlo diventare il pulsante per attivare la voce è l’ideale.

Io penso che i due pulsanti laterali siano posizionati nel modo giusto. Io sono un fan sfegatato di CS:GO e li uso di continuo, e penso che Corsair li abbia posizionati in modo eccellente. Ovviamente, potete usare anche lo rotellina per lo scrolling e un’altra funzione da voi scelta. Corsair non ha lesinato sui materiali con cui è stato costruito il mouse, e la rotellina non fa eccezione. Comprende un esterno in gomma che racchiude un solido nucleo di metallo, cosa che aiuta a mirare in modo preciso e senza sforzo. Alcuni hanno detto che la rotellina si consuma piuttosto velocemente, ma a noi non è ancora capitato. Lo switch Omron può sopportare 20 milioni di click, il che, oggigiorno, è considerato al di sotto della media – tuttavia, Omron è ancora ampiamente considerato da molti lo switch migliore oggi come oggi sul mercato.

Ma non finisce qui: il cavo da 1,8 metri sembra sia stato costruito per durarvi per tutta la vita. È molto più resistente agli attorcigliamenti e alle abrasione di quelli costruiti da Razer, ma con questo, Corsair ha dovuto di nuovo sacrificare il peso. Per risolvere ulteriori problemi vi raccomanderei un elastico che aiuta ampiamente a eradicare i punti di trascinamento.

Performance e sensori

Performance

Mentre il vecchio M65 utilizzava un sensore laser per il tracking, la versione riveduta si è fornita di una sensore ottico di gran lunga più sensibile, da tutti considerato il sensore migliore quando si tratta di scegliere un gaming mouse di qualità. Sebbene questo modello sia stato progettato per il claw grip, penso che l’M65 sia relativamente comodo nell’utilizzo giornaliero. Il grande mouse pad PTFE scivola benissimo sul mio Asus Rog Stealth – tuttavia, ho notato che la struttura di alluminio ogni tanto si impiglia sui bordi del tappetino.

Il pulsante sniper è abbastanza controverso e io l’ho trovato abbastanza inutile, ma ben posizionato – se siete di quelli a cui serve. Io preferisco il design del pulsante Razer Basilisk Sniper che vi fa scegliere se usarlo o no. inoltre, quando abbiamo testato l’M65 in vari scenari di giochi, non è stata né la cosa migliore né quella peggiora. Un problema notevole che abbiamo incontrato mentre giocavamo è la Light-Off Distance, cosa piuttosto sensibile e non trascurabile, mentre si gioca. Io utilizzo una sensibilità piuttosto bassa, e quindi devo muovere molto il mouse. Detto ciò, ho perso il conto di tutte le volte in cui la disposizone crosshair è stata inficiata nel sollevare il mouse – come tutti saprete, la memoria muscolare, dopo anni di gioco, è difficili da ricalibrare.

Io alla fine ho giocato un sacco a CSGO con questo mouse, sia in ambienti pubblici che competitivi, e penso che il mouse sia in fin dei conti un po’ troppo piccolo. Durante le sessioni di gioco più estese, la metà inferiore del palmo della mia mano stava sempre come scivolando dalla scocca principale – non ci si poggia in cima con grazia, come succede con altri mouse quali lo Zowie FK1+ e il the Mamba Elite. Tuttavia, ho apprezzato l’ergonomia rinnovata dei side grip, rifiniti con un rivestimento ruvido che vi aiuta a far presa, cosa di cui io avevo un bisogno disperato. Dopo aver sperimentato moltissimo con il sistema di regolazione del peso, posso dire in tutta sicurezza che fosse abbastanza inutile. Capisco l’idea che c’è dietro, ma non fa nessuna differenza nelle situazioni pratiche – in fin dei conti, per ottimizzare gli sparatutto, dovete diminuire il peso.

Connettività, illuminazione e software

La connettività viene stabilita attraverso il cavo da 1,8m dell’M65, che ovviamente è dotato di una connessione USB. Una volta connesso, il tuo computer sarà pronto a scaricare e installe l’ICUE, il software interattivo e user-friendly di Corsairs, dove potrete decidere tutto, salvare i profili e personalizzare l’illuminazione. Il Corsair ha 3 zone di illuminazione e un numero quasi infinito di risultati potenziali diversi, e devo dire che al buio il mouse ha un aspetto magnifico. Una cosa di minore importanza ma che credo valga la pena notare è la luce DPI, che non può venire sincronizzata al profilo di illuminazione che avete scelto di adoperare.

Un’ottima funzionalità del software ICUE è la Surface Calibration Tuning Utility che secondo i produttori “ottimizza in modo automatico la precisione del sensore e la risposta a qualunque superficie per garantire delle performance eccellenti.” In realtà, sembra giusto per fare scena. Quand’è l’ultima volta che avete comprato un mouse e avete pensato: “Dio, amerei calibrare il mio nuovo mouse al mio tappetino?” Non è pratico. Detto ciò, il software è ampiamente considerato essere il miglior software Peripheral al momento sul mercato, e faccio fatica a dissentire.

Il nostro verdetto

Eccoci di nuovo con le nostre considerazioni finali: questo mouse soddisfa le aspettative dei test di Gaming Verdict? Scocca in alluminio, ottima in quanto a longevità, calibrazione di superficie per aiutare a ottimizzare la precisione del mouse su tutte le superfici e otto pulsanti tattili – tra cui uno Sniper: tutti elementi che forniscono le basi per la costruzione di un ottimo mouse. Tuttavia, alcune funzionalità imperdonabili, come il peso e il design ergonomico che si rivolge in modo esclusivo agli utenti che fanno uso del claw-grip, rendono difficile stabilire se sia un buon mouse per gli sparatutto, specie a livello competitivo. Ma se volete spendere tra 30 euros – 60 euros, vi piace il brand e vi piace giocare agli sparatutto, allora vi raccomandiamo il.

Corsair Glaive. Tuttavia, se siete dei seri giocatori competitivi che vogliono avere un vantaggio sui loro avversari, allora vi raccomanderei di dare un’occhiata agli altri mouse tipo il Deathadder Elite o il Logitech G Pro, che per me sono dei mouse eccellenti e vengono venduti a pochissimo.

Leggi di più:
Miglior Monitor da Gaming