Amazon Echo Dot 2 vs. Echo Dot 3: qual è la differenza?

L’11 ottobre 2018, Amazon lancerà sul mercato l’Echo Dot 3. L’Echo Dot 3 è una versione migliorata dell’Echo Dot 2 – ma cosa li distingue e, cosa più importante, dovreste passare al nuovo modello?

Echo Dot 3 vs. Echo Dot 2L’11 ottobre Amazon distribuirà l’Echo Dot 3, la terza generazione dell’Echo Dot 2. I dispositivi Dot sono gli smart speaker base di Amazon. Equipaggiato con Alexa e un controllo vocale a distanza, l’Echo Dot permette all’utente di telefonare, inviare messaggi, regolare il termostato, accendere le luci e controllare tutti gli altri dispositivi connessi con la sola voce.

In previsione dell’Echo Dot 3 – che viene venduto a 59,99 Euros– Amazon ha abbassato il prezzo dell’Echo Dot 2 a 39,99 Euros.

Questo fa sorgere l’ovvia domanda: vale la pena di passare al nuovo modello? Per aiutarvi a decidere, abbiamo dato un’occhiata alle principali differenze tra i due modelli.

Design

La differenza più ovvia è l’aspetto. L’Echo Dot 3 ha una forma più arrotondata e uno speaker rivestito di tessuto che avvolge il corpo del dispositivo, eliminando così il look di plastica dell’Echo Dot 2. L’Echo Dot 3 viene venduto in tre colori: antracite, grigio chiaro e grigio mélange. L’Echo Dot 2 è disponibile bianco o nero.

Il nuovo look potrebbe ricordarvi il rivale di Echo, il Google Home Mini, specialmente dal momento che adesso entrambi sono disponibili in grigio e antracite. I pulsanti, il volume e i microfoni si trovano ancora tutti in cima al dispositivo, così da restare fedele al design originale di Echo.

L’Echo 3 è leggermente più grande: è alto 43mm e largo 99mm. Invece, l’Echo Dot 2 è alto 32mm e largo 83,5. Di conseguenza, il nuovo Echo Dot è anche più pesante, circa 300 gr – quasi il doppio dei 163 gr dell’Echo Dot 2.

L’Echo Dot 3 fa a meno della porta USB e fa affidamento su una porta di alimentazione diretta.

echo-dot-it

Caratteristiche

Quando abbiamo recensito l’Echo Dot 2, la scasa qualità del suono non ci impressionò più di molto – ovviamente, era un giudizio espresso tenendo a mente l’Echo. L’Echo 3 si sforza di risolvere questo problema con uno speaker più potente del 70% e con un suono più ricco. Non è una sorpresa che il Dot 3 utilizza più potenza: con i suoi 15 Watt, ne ha ben 6 in più dell’Echo Dot 2.

Così come con l’Echo Dot 2, se volete potete connettere il nuovo Dot a un altro speaker tramite Bluetooth o cavo audio da 3,5 mm. Se avete bisogno di ulteriore potenza, Amazon ha anche introdotto il proprio subwoofer per i bassi, l’Echo Sub.

Oltre a perdere una porta di alimentazione USB, l’Echo Dot 3 riduce anche il numero di microfoni, da sette a quattro.

Inoltre, come già succedeva con l’Echo Dot 2, potrete sempre chiamare e mandare messaggi senza dover utilizzare le mani, utilizzando o il dispositivo stesso o Alexa – ma il Dot 3 si spinge ancora più in là, mirando a introdurre le chiamate Skype ad attivazione vocale.

La funzionalità Drop In è presente anche nell’Echo Dot 3, permettendovi di connettervi con i dispositivi Echo che avete in giro per la casa o con i parenti e gli amici, così da inviare loro un messaggio ogni qualvolta ce ne sia bisogno. Ad esempio, grazie ai dispositivi Echo potete far sapere a tutta la vostra famiglia che la cena è pronta.

L’Alexa dell’Echo Dot 3: accessibilità

Siamo contenti nel vedere che Amazon abbia affinato il suo Echo Dot con il software Alexa, una scelta che tiene a mente i bisogni di accessibilità – sia del dispositivo che dell’app di Alexa. Ciò include funzionalità per assistere utenti che hanno problemi con la vista, l’udito, la mobilità o il linguaggio.

Per esempio, per aiutare gli utenti con problemi di udito, la luce sull’Echo Dot cambia colore in base a cosa sta facendo Alexa; o, per aiutare coloro i quali hanno problemi di vista, il volume può essere aumentato tramite il tocco o i comandi vocali.

L’app di Alexa vi permette di ingrandire il font (sebbene solo su Android), ed è compatibile con i software per la lettura ad alta voce delle schermate (potete trovare la lista completa dei software qui).

Dovresti passare al modello successivo?

Nel complesso, l’Echo Dot 3 mantiene gli elementi che rendono l’Echo 2 un assistente smart fidato, ma lo rinforza con uno speaker migliore, un design più raffinato e delle ottime funzionalità per migliorare l’accessibilità. L’Echo Dot 3 è leggermente più pesante dell’Echo Dot 2, ma in cambio otterrete una qualità del suono migliore. Per alcuni questo potrebbe essere un motivo sufficiente per acquistare il nuovo modello, ma se l’unica cosa che vi interessa è solamente un suono più potente allora potreste accontentarvi di connettere il vostro dispositivo Echo a uno speaker più grande tramite il cavo audio o il Bluetooth.

Leggi di più:
Amazon Echo Dot vs. Echo vs. Echo Plus vs. Echo Spot

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *