USB-C vs USB 3.1: Qual è la differenza?

USB-C

Con il lancio di Apple MacBook e di Google Chromebook Pixel, l’USB-C (chiamato anche USB Tipo-C) con il conseguente standard USB 3.1 è comparso sul mercato un po’ prima di quanto inizialmente previsto. Se siete curiosi di sapere di più circa i due standard e la loro interazione, abbiamo rispolverato e aggiornato la nostra guida per la tecnologia del futuro. La situazione è più sfumata di quanto sia stato con i normali aggiornamenti precedenti USB; l’USB 3.1 e i connettori USB di tipo C possono essere anche arrivare insieme sulle nuove macchine, ma non sono accomunati nel modo in cui si potrebbe pensare.

USB Tipo-C: risoluzione di un annoso problema

La frustrazione quasi universale sui tentativi di collegare i dispositivi USB per i computer è stata alla base di umorismo da nerd in vari modi fino a quando Intel ha finalmente trovato un modo per prendere sul serio lo scherzo.

USB Tipo-C

L’USB Tipo-C promette di risolvere questo problema con un connettore universale che è anche in grado di funzionare in modo due volte più veloce rispetto all’USB 3.0 e può fornire molta più potenza. Ecco perché Apple sta abbinando il Tipo-C e l’USB 3.1 per eliminare il connettore di alimentazione del MacBook. E ‘un obiettivo che condividiamo, anche se siamo meno entusiasti con la decisione della società di eliminare le porte USB del tutto con quella sola eccezione. L’approccio di Google, nella fornitura di due USB-C e due porte USB 3.0 regolari, è ovviamente preferibile, anche se ciò aggiunge un po’ di massa alla macchina.

USB

Connettori di tipo C saranno associati in una vasta gamma di adattatori passivi (una versione precedente di questa storia ha erroneamente affermato che tali cavi non sarebbero disponibili; Extremetech deplora l’errore). La specifica prevede adattatori passivi con USB 3.0 / 3.1 su un’estremità e USB Tipo-C dall’altro.

USB-C, USB 3.1 non sempre forniti insieme

Il plug-Tipo C può essere utilizzato con i precedenti standard di USB, il che significa che i produttori non devono automaticamente adottare il costoso hardware 3.1 se vogliono includerlo nei dispositivi mobili. Apple, per essere chiari, offre USB 3.1 sul nuovo MacBook, anche se la società non ha rivelato quale terzo fornitore fornisce il supporto reale del chipset.

USB-C

Lo scollamento tra lo standard di prestazioni USB 3.1 e il connettore USB Tipo-C sta per causare inevitabilmente confusione. Una ragione per cui il passaggio da USB 2.0 a 3.0 è stato relativamente indolore sta nel fatto di aver colorato sia i cavi che le spine di un blu brillante che rendeva impossibile confondere un tipo di porta per l’altro.

Il vantaggio di disaccoppiamento tra USB 3.1 e USB-C, tuttavia, è che le aziende possono implementare la tecnologia su telefoni cellulari e tablet senza bisogno di optare per interfacce che inevitabilmente consumano più energia. Poi di nuovo, qualcuno potrebbe obiettare che questo sarebbe un punto controverso – il controller USB può essere spento quando non è attivo, e anche quando è attivo, il dispositivo dovrebbe assorbire energia dal PC o comunque ricaricare la porta. La dissipazione del calore potrebbe teoricamente rimanere una preoccupazione – maggiore larghezza di banda significa inevitabilmente calore più intenso, e nei dispositivi costruiti con specifiche da 3-4W, ogni decimo di watt conta.

Se dovessi scommettere, scommetterei che la lunghezza di potenza 100W su USB 3.1 sarà effettivamente di valore più pratico rispetto alla capacità di larghezza di banda dei 10Gbps. Mentre è vero che l’USB 3.1 darà agli alloggiamenti degli hard disk SSD esterni più spazio per allungare le gambe, lo standard esistente consente ancora alle trasmissioni meccaniche tradizionali di funzionare a pieno regime, mentre gli SSD possono coprire circa l’80% delle prestazioni massime per carichi di lavoro desktop. Potrebbe non essere abbastanza buono, ma è ben lontano dai giorni in cui si utilizzava l’USB 2.0 per un hard disk esterno che era dolorosamente lento rispetto al SATA. Il sovraccarico di segnale dovrebbe inoltre diminuire sensibilmente, grazie ad uno schema di codifica intercambiabile fra i 128 bit e i 132 bit, simile a quella utilizzata per PCI-Express 3.0.

USB-C

La capacità di fornire 100W di potere, al contrario di 10W, tuttavia, significa che quasi ogni produttore potrebbe disfarsi di pesanti alimentatori. Ci sarebbe ancora preoccupazione per assicurare che i punti di connessione siano stati sufficientemente rafforzati, ma a condizione che tali preoccupazioni possano essere messe in conto, la stragrande maggioranza dei computer portatili potrebbe passare al nuovo standard. I dischi rigidi e altre periferiche esterne potrebbero essere tutti alimentati da fili singoli, come potrebbe l’hub USB per molteplici dispositivi.

La larghezza di banda superiore è bella, e un punto di vendita importante, ma il connettore intercambiabile e la scorta di energia probabilmente farebbero più differenza nella realtà di ogni giorno. Per quanto riguarda la concorrenza con Thunderbolt di Intel, USB 3.1 continuerà ad essere in ritardo rispetto allo standard di alta velocità di Intel, tuttavia man mano che la larghezza di banda aumenta, il divario diventa sempre più teorico. A questo punto, sono le funzionalità che l’USB non consente, come RAID e TRIM, che la contano di più rispetto alla banda nella maggior parte dei casi.

MacBook di Apple sarà il primo a supportare USB 3.1 e USB-C, mentre i venditori correranno per pareggiare con la società su entrambi i fronti. LaCie ha annunciato una nuova versione della sua Porsche Design Mobile Drive che sfrutta il connettore di tipo C, ma offre solo USB 3.0. Bisognerà attendere del tempo per mostrare la 3.1 davvero sui dispositivi periferici, anche quelli che adottano il cavo USB-C. Il supporto della scheda madre al di fuori dell’Apple MacBook è probabilmente a 4-5 mesi di distanza, anche se i primi cavi periferici dovrebbero essere disponibili anche prima di tale momento.

Per Saperne Di Più:
SSD vs SSHD
PC lento cosa fare?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *