SSD vs HDD: il velocità, durata della vita, tempo di avvio

La maggior parte delle persone che compra un portatile deve decidere se prendere un disco a stato solido (SSD) o un hard disk (HDD) per la memoria. Perciò, quale dei due è la scelta migliore? Un SSD o un HDD? Non c’è una risposta univoca a questa domanda; ogni persona ha necessità differenti, perciò dovresti valutare la tua decisione in base alle tue necessità, alle tue preferenze e sicuramente in base al tuo budget. Anche se i prezzi degli SSD stanno diminuendo, il prezzo per gigabyte resta un grosso vantaggio degli HDD. Inoltre, se le prestazioni ed un avvio veloce sono le tue priorità, anzichè il costo, allora la scelta giusta è un SSD. Per i rimanenti, in questo articolo confronteremo vari SSD ed HDD, guardando pregi e difetti di entrambi.

Cos’è un SSD?

Non avremo presupposti e manterremo questo articolo ad un livello che chiunque possa capire. Potresti semplicemente cercando un computer e chiederti cosa significhi SSD. Per iniziare, SSD sta per Solid State Drive. Probabilmente conosci già le chiavette USB – gli SSD possono essere intesi come una più sofisticata e più capiente versione di una chiavetta USB. Così come nelle chiavette USB, non ci sono parti mobili negli SSD. Le informazioni sono immagazzinate in microchips. Gli hard disk, invece, utilizzano un braccio meccanico con una testina di lettura/scrittura che si muove e legge informazioni da un disco che le contiene. Questa differenza è ciò che rende gli SSD molto più veloci. Per analogia, cos’è più veloce? Doversi muovere per la stanza per trovare un libro o trovarlo magicamente aperto davanti a te quando ne hai bisogno? Questo è un HDD confrontato ad un SSD; ha semplicemente bisogno di lavoro fisico (movimento meccanico) per trovare le informazioni.

Tipicamente, gli SSD usano quella che viene chiamata memoria flash NAND. Questo è un tipo di memoria non volatile. Ti starai chiedendo cosa significhi “non volatile”. Significa che puoi tranquillamente spegnere il disco senza che si cancellino i dati che contiene. Questa è sicuramente una caratteristica essenziale di ogni tipo di memoria permanente. Nei primi tempi degli SSD, si sentiva dire che i dati degli SSD si sarebbero cancellati nel giro di qualche anno. Comunque, sono voci che sicuramente non valgono con la tecnologia di oggi, in quanto potresti scrivere e leggere un SSD per tutto il giorno e l’integrità dei dati sarebbe mantenuta per oltre 200 anni. In altre parole, quei dati su un SSD sopravviverebbero a te.

Un SSD non ha un braccio meccanico che legga o scriva i dati, utilizza invece un processore integrato(o “cervello”) chiamato controller che esegua una serie di operazioni per leggere o scrivere i dati. Il controller è molto importante nel determinare la velocità dell’SSD. Le decisioni che prende su come immagazzinare, recuperare ed eliminare i dati può determinare la velocità generale del disco. Non ci inoltreremo nei dettagli dei vari processi come la correzione degli errori, il caching, la crittografia o il garbage collector. Ci basta dire che un buon controller spesso è ciò che distingue un ottimo SSD da uno buono. Un esempio di un controller veloce è il SandForce SATA 3.0 (6GB/s), che supporta velocita fino a 550MB/s in lettura e scrittura. La prossima generazione di controller SandForce 3700 è stata annunciata alla fine del 2013, e si dice che raggiunga 1.800MB/s su operazioni di lettura e scrittura, così come 150K/80K IOPS casuali.

Finalmente starai capendo cosa sia un SSD e quanto sia facile sostituire un hard drive con un altro after-market. Nelle immagini quì sotto sono mostrate la vista superiore ed inferiore di un qualunque SSD da 2.5″. Il dispositivo è racchiuso da un case metallico o di plastica e potrebbe sembrare una batteria:

SSD Lato superiore

SSD Lato superiore

SSD Lato inferiore

SSD Lato inferiore

Le dimensioni di un SSD sono le stesse di un normale hard drive. Si possono trovare nelle standard 1.8″, 2.5″ o 3.5″, che calzano negli alloggiamenti e nei connettori per gli hard drive delle stesse dimensioni. Il connettore usato per queste dimensioni standard è il SATA. Esistono anche SSD più piccoli che utilizzano il mini-SATA (mSATA) e vanno negli slot mini-PCI Express dei portatili.

Cos’è un HDD?

Gli Hard Disk Drives, o HDD nel linguaggio comune, sono in commercio dai primi anni del mondo tecnologico. Gli HDD sono stati introdotti da IBM nel 1956 – esatto, questa tecnologia ha quasi 60 anni, grazie al cielo le TV a tubo catodico non sono durate così tanto! Un HDD usa un magnete per immagazzinare dati su un disco rotante. Una testina di lettura/scrittura fluttua sul disco leggendo e scrivendo i dati. Più veloce il disco gira, più veloce sarà l’HDD. Tipicamente gli HDD dei portatili girano a 5.400RPM (Giri al minuto) o 7.200RPM, ma alcuni HDD per utilizzo su server girano fino a 15.000RPM!

Il più grande vantaggio di un HDD è la possibilità di immagazzinare grandi quantità di dati a basso costo. Di questi tempi, 1 TeraByte(1.024 GigaBytes) di memoria è normale negli hard disk dei portatili, e la densità continua a crescere. Comunque, il costo per gigabyte è difficile da calcolare dato che ci sono molti segmenti da considerare, ma si può dire che tutti gli HDD sono sostanzialmente più economici degli SSD. Ad esempio, il WD Black (1TB) si trova su molti siti a 69$, mentre gli SSD OCZ Trion (960GB) e Samsung 850 EVO (1TB) costano rispettivamente 199$ e 319$, dalle tre alle cinque volte il prezzo del WD Black. Perciò se vuoi molta memoria a basso costo, sicuramente ti conviene scegliere un HDD.

Per quanto riguarda l’aspetto, un HDD essenzialmente è uguale ad un SSD. Gli HDD usano prevalentemente l’interfaccia SATA. La taglia più comune per i portatili è da 2.5″, mentre nei desktop viene utilizzata quella da 3.5″. La taglia maggiore permette di contenere più dischi, perciò più memoria disponibile. Alcuni hard drive per desktop possono contenere fino a 6TB di dati! Ecco un esempio di HDD, questo è il Hitachi Deskstar 7K4000 4TB:

HDD Lato superiore

HDD Lato superiore

HDD Lato inferiore

HDD Lato inferiore

SSD Vs HDD Confronto:

È ora di fare qualche confronto e determinare quale sia il migliore per te – SSD o HDD? Il miglior modo per confrontarli è utilizzare una tabella in cui quello evidenziato in blu rappresenta un vantaggio:

 

SSD (Solid State Drive)

HDD (Hard Disk Drive)

Consumo / Durata della batteria Minor consumo, in media 2-3 watt, la batteria dura oltre 30 minuti in piu’ Maggior consumo, in media 6-7 watt, percio’ usa piu’ batteria
Costo Costoso, circa 0.20$ per gigabyte (calcolato su un drive da 1TB) Solo 0.03$ per gigabyte, molto economico (calcolato su un modello da 4TB)
Capacita Tipicamente non piu’ di 1TB per i portatili, al massimo 4TB per i desktop Tipicamente tra i 500GB e 2TB massimi per i portatili; al massimo 10TB per i desktop
Tempo di avvio del sistema operativo Mediamente 10 – 13 secondi Mediamente 30 – 40 secondi
Rumore Non essendoci parti in movimento non emette rumori Si possono sentire dei click e la rotazione dei dischi
Vibrazioni Non essendoci parti in movimento non crea vibrazioni La rotazione dei dischi puo’ dar luogo a qualche vibrazione
Calore prodotto Il basso consumo e l’assenza di parti in movimento creano poco calore Gli HDD non producono molto calore, ma ne producono molto di piu’ rispetto agli SSD, a causa delle parti in movimento ed al maggior consumo
Tasso di guasto Circa 2 milioni di ore Circa 1.5 milioni di ore
Velocita’ di copia / scrittura Generalmente oltre 200 MB/s e fino a 550MB/s per i top di gamma Tra i 50MB/s ed i 120MB/s
Crittografia Crittografia completa del disco (FDE) supportata su alcuni modelli Crittografia completa del disco (FDE) supportata su alcuni modelli
Velocita’ di apertura dei file Un SSD e’ sicuro da ogni effetto magnetico I magneti potrebbero cancellare i dati
Soggetto al magnetismo? Un SSD e’ sicuro da ogni effetto magnetico I magneti potrebbero cancellare i dati

Se diamo un’occhiata alla tabella, gli SSD hanno 9 punti e gli HDD ne hanno 3. Significa che un SSD è 3 volte meglio di un HDD? Non esattamente. Come abbiamo già detto, dipende tutto dalle necessità personali. Il confronto quì serve solo a mostrare i pregi e difetti di entrambi. Per aiutarti ulteriormente, ecco alcune regole da seguire per decidere quale drive fa per te:

Un HDD potrebbe essere la tua scelta se:

  • Ha bisogno di grandi capacità di memoria, fino a 10TB;
  • Non vuoi spendere molti soldi.
  • Non ti interessa quanto sia veloce il tuo computer ad avviarsi e ad aprire i programmi – allora scegli un hard drive (HDD).

Un SSD potrebbere essere la tua scelta se:

  • Sei disposto a pagare per prestazioni migliori;
  • Non ti interessa la memoria limitata o comunque non è un problema(comunque gli SSD consumer arrivano fino a 4TB e quelli enterprise oltre a 60TB).

Leggi di più:
Miglior SSD
SSD vs SSHD
Velocizzare Windows 10 al Massimo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *