Come condividere file tra Mac OS X e Windows con Boot Camp.

Mac OS X

Boot Camp può essere frustrante. Sia Windows che Mac Os X possono vedere l’uno i file dell’altro, ma non possono scrivere nella partizione dell’altro sistema operativo.

Fortunatamente ci sono dei modi per raggirare le limitazioni del file-system. Applicazioni di terze parti possono abilitare il supporto alla scrittura per le partizioni, oltre ad ulteriori metodi per la condivisione dei file.

Accedi alle partizioni Mac HFS+ da Windows

Il pacchetto dei driver di Boot Camp installa automaticamente un driver HFS+ per Windows, il quale permette a Windows di vedere la tua partizione Mac. Questa partizione appare come “Macintosh HD” sotto Computer nel tuo sistema operativo Windows. C’è però una grande limitazione: il driver abilita la sola lettura. Non puoi copiare i file nella tua partizione Mac, o editare o eliminare quelli che vi sono già presenti da Windows.

Per aggirare questa limitazione avrai bisogno di un’applicazione di terza parte come Paragon HFS+ per Windows o il MacDrive di Mediafour. Entrambi questi programmi sono a pagamento, ma installano un vero e proprio driver di lettura/scrittura su Windows. Sarai in grado di scrivere sulla tua partizione Mac con Windows Explorer o qualsiasi altra applicazione di tua preferenza. Questi programmi hanno dei periodi di prova gratuiti quindi puoi provarli prima di pagare.

HFSExplorer è uno strumento gratuito per accedere alle partizioni Mac da Windows, ma funziona solo in lettura e quindi non è di alcuna utilità per il nostro scopo.

Windows 8

Scrivere sulle partizioni NTFS di Windows da Mac Os

La tua partizione Windows appare come BootCamp sotto Dispositivi in Mac OS X. Sfortunatamente Mac OS X può accedere a questa partizione solo in lettura e non vi può scrivere.

Ci sono diverse soluzioni per scrivere su un file NTFS da Mac, la maggior parte delle quali sono a pagamento. Prova il gratuito e open-source NTFS-FREE se non vuoi spendere dei soldi per questa funzionalità. Dopo averlo installato potrai accedere alla tua partizione Windows – oltre che a drive esterni formattati NTFS – in piena modalità di lettura e scrittura da Mac OS X.

Bootcamp

Creare una partizione FAT32 condivisa

A Windows di norma non piace HFS+, e Mac OS di scrivere su partizione NTFS non ne vuole sapere. C’è però un tipo di file-system “neutrale” usato da entrambi i sistemi operativi – FAT32. FAT32 è solitamente usato per le chiavette USB o altri dischi rimuovibili proprio in virtù del suo essere ampiamente supportato.

Si potrebbe usare l’Utilità Disco per restringere una delle partizioni attuali e crearne una nuova. Formattare la nuova partizione con file system FAT la rende in grado di essere letta e scritta sia da Mac OS X che da Windows senza bisogno di ulteriori software. È impossibile installare le più recenti versioni di Windows su una partizione FAT32 quindi questa nuova partizione deve essere separata sia da quella di Windows che che da quella Mac.

Tutto ciò può essere sconveniente dato che finisce col dividere ulteriormente la tua memoria fisica, ma rimane comunque un’opzione.

Apple SSD

Usare drive esterni o cloud storage.

Se tutte queste opzioni sono troppo complicate potresti semplicemente lasciar perdere l’hard disk interno del tuo Mac e usare un drive esterno per condividere i file tra i tuoi sistemi operativi. Basta collegare il drive esterno al Mac, copiarvi i file e usarlo come dispositivo di storage comune. La maggior parte dei drive portatili – siano essi chiavette USB o hard disk esterni veri e propri – sono già formattati nel file system FAT32. E nel caso fossero in NFTS o HFS+ basta riformattarli in FAT32.

Oppure potresti semplicemente non usare nessuno storage locale e ricorrere invece al cloud storage. Per esempio, se hai dei documenti sui quali devi lavorare con entrambi i sistemi operativi, potresti semplicemente caricarli su Dropbox, Google Drive, OneDrive o un altro servizio di cloud storage. Basta installare l’apposita utility per la sincronizzazione su ciascun sistema operativo e i documenti verranno sincronizzati tra i due sistemi attraverso l’internet.

Mac OS

Una delle ragioni per le quali Apple avrebbe deciso di non abilitare la scrittura HFS+ in Windows o quella NTFS in Mac potrebbe essere per ragioni di stbilità. Semplicemente non vogliono addossarsi colpe nel caso un bug dovesse corrompere uno dei suddetti file system. Le soluzioni da noi proposte sono tutte sicure e stabili, ma è sempre meglio fare una copia di backup dei tuoi documenti più importanti, nel caso qualcosa vada storto.

2 commenti

  • paolo

    meglio scrivere che se si aggiunge la partizione shared, all’avvio non verrà più visualizzato il bootloader e si dovrà ricreare la partizione windows, perché sono supportate massimo 4 partizioni. No perché magari se non lo specifichi, io ignorante seguo questa guida, e mi ritrovo senza partizione windows!

  • Marco

    NON PROVATE A CREARE UNA TERZA PARTIZIONE SUL DISCO DI AVVIO, COME DETTO SOPRA NEL MOMENTO IN CUI SÌ VANNO A MODIFICARE LE PARTIZIONI SI PERDE LA POSSIBILITà DI AVVIARE DA WINDOWS.

    Cosa ancora peggiore è tentare di modificare le partizioni da windows, perché porta ad un brick completo, e bisogna reinstallare sia OS che Win.

    Le ho già provate tutte e mi sono costate 10’000 reinstallazioni, non provateci anche voi 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *